Tornitura cilindrica eccentrica, profilatura e taglio
Si intende per tornitura cilindrica eccentrica la lavorazione di un pezzo costituito da due o più tratti cilindrici non coassiali. Si dice eccentrico quando la sua rotazione non avviene attorno al suo asse di simmetria ma attorno ad un'altro asse parallelo.
Eccentricità=la distanza tra l'asse di simmetria e l'asse di rotazione si chiama eccentricità. Con riferimento alla figura: .La costruzione al tornio di due superfici cilindriche non coassiali, si ottiene con la tracciatura di entrambe le facce e la centratura con punta da centri. Una tracciatura per l'asse del cilindro e l'altra per il cilindro eccentrico. Occorrerà un parallelo a V e un truschino graduato. Per eseguire i centri nella tornitura eccentrica si eseguono due diversi procedimenti a secondo che l'eccentricità sia maggiore o minore della somma dei raggi dei due centrini. Maggiore (fig.1)= i due centri possono essere eseguiti l'uno accanto all'altro, sulla stessa faccia del cilindro in quanto non si sovrappongono. Minore (fig.2)=in cui l'eccentricità è piccola, si tornisce in un primo tempo tra le punte il tratto cilindrico di diametro maggiore. Si asportano poi, mediante sfacciatura, i centri utilizzati per il fissaggio del pezzo. Infine si tracciano e si eseguono i centri per la tornitura del tratto cilindrico di diametro minore. Nel caso della figura 2 occorrerà tener conto nella scelta della lunghezza della barra cilindrica da lavorare, dei tratti che vanno perduti per l'esecuzione successiva delle due coppie di centri. La lunghezzaL1 della lunghezza totale deve superare la lunghezza L del pezzo finito di almeno due volte la profondità dei primi due centri.
Profilatura
=la profilatura è un'operazione che consiste nel ricavare superfici cilindriche variamente profilate come scarichi, gole. Il valore dell'avanzamento deve essere di qualche centesimo di millimetro per giro, perché la lunghezza del tagliente a contatto con il pezzo è rilevante. Un avanzamento superiore sottoporrebbe l'utensile ad uno sforzo eccessivo. Gli utensili per queste operazioni hanno un profilo costante e andranno affilate solo nella faccia superiore. Per ridurre le vibrazioni,talvolta, vengono montati su porta lame elastici
Troncatura o taglio
=la troncatura al tornio èl'operazione che consiste nel separare il pezzo dal resto della barra, a lavorazione ultimata. Gli angoli di spoglia laterali degli utensili impiegati nella troncatura hanno un'apertura di circa 2. In lavorazione procedendo dalla periferia verso il centro del pezzo, lavora su un diametro che continuamente si riduce di lunghezza, per annullarsi al centro, in questo caso è utile servirsi di un diagramma polare per variare il numero dei giri al momento opportuno. Nella troncatura o taglio senza cambiare il numero dei giri, la velocità di taglio diminuisce continuamente. Nella troncatura è preferibile disporre l'utensile capovolto per avere minori vibrazioni, vale soltanto per torni che hanno il gioco del mandrino entro le boccole di bronzo. In queste condizioni, se si usa l'utensile diritto,l'albero riceve una spinta verso l'alto per cui tende a sollevarsi. Il contrario avviene con un utensile capovolto, nel qual caso il mandrino resta ben aderente alla parte più bassa della boccola. Attenzione: Con l'utensile capovolto si corre il rischio che in caso di rottura esso venga proiettato in alto e colpisca l'operatore. C'è il rischio anche che avvenga lo svitamento della piattaforma porta pezzo.